Come scegliere il computer portatile

Hai deciso di comprare un nuovo pc o una nuova workstation e non sai ancora su quale propendere. Partiamo da una premessa: scegliere il computer portatile non è un’impresa ardua, tuttavia dovrai prestare molta attenzione rispetto alle tue esigenze. Infatti ritrovarsi per le mani un dispositivo che non fa al proprio caso non è una possibilità così remota. D’altra parte è anche vero che chi non mastica linguaggio informatico si ritroverà a leggere le caratteristiche del pc senza capire molto. In questo articolo andremo a vedere nel dettaglio come scegliere il computer portatile o le workstation portatili ideali per te, partendo da alcuni aspetti fondamentali.

Partiamo dunque dalle dimensioni: se non siete persone che si spostano continuamente per lavoro, meglio propendere per un pc con display grande (17-18 pollici). Se invece vi ritrovate spesso a viaggiare, meglio un notebook con schermo nè troppo grande nè troppo piccolo (15 pollici va benone), altrimenti se non vi trovate meglio indirizzarsi verso un pc portatile piccolo, dal peso che non superi 1 kg.

Andando invece ad analizzare alcune componenti tecniche, possiamo dirvi che è innanzitutto molto importante il processore, le cui prestazioni sono fondamentali per il funzionamento di tutto il pc. Se utilizzate software in quantità, meglio propendere per un processore potente (frequenza > 2.4Ghz), altrimenti va bene anche uno di fascia media. La scelta della RAM è consequenziale: più grande è la capacità di essa di memorizzare i dati elaborati dal processore, più rapido sarà l’accesso di quest’ultimo ai dati da rielaborare. La maggior parte dei pc hanno 4 GB di RAM.

Discorso diverso per la memoria interna del pc: comunemente un buon pc ha 500 GB di capacità di memoria interna nel proprio hard disk. Altro elemento di grande importanza è la scheda video: il nostro consiglio è di sceglierne una con almeno 512 GB di RAM-video.

Un capitolo a parte lo merita il discorso della connettività: è bene fare attenzione alle porte USB (devono esserci e soprattutto devono essere distanziate bene affinchè si possano collegare più dispositivi), alla presenza della porta HDMI per guardare film in tv e ad altri aspetti come ad esempio il lettore di schede multifunzione per trasferire dati da un cellulare al pc.

Infine è importante anche l’elemento riguardante l’autonomia: in commercio esistono processori a basso consumo che consentono di avere una buona autonomia della batteria. In sintesi possiamo dire che 2-8 ore è per un uso semplice, chi deve lavorarci ha probabilmente bisogno di un maggiore quantitativo.